”Vetrina di prestigio per l’ultima tappa del Campionato Italiano FISKY”

Pasturo (Lc): Grande giornata di sport questa mattina in Valsassina. Graziato da un meteo incerto sino alla fine, il Trofeo Scaccabarozzi è stato baciato dal sole. Le ottime condizioni meteo hanno quindi permesso il regolare svolgimento sia della SkyMarathon da 43Km che della Mezza “Città di Pasturo”.

SKYMATATHON DELLE GRIGNE:

I primi a prendere il via alle 7.30 di mattina sono stati i 196 della lunga. Tra loro, oltre ai big nazionali intenti a giocarsi un titolo tricolore quanto mai incerto, anche diversi campioni stranieri hanno impreziosito una starting list di livello internazionale (in gara 14 stranieri a rappresentanza di ben 11 nazioni). Dopo un’ora, sui saliscendi che portano ai Pian dei Resinelli, a dettare i tempi vi era il bronzo europeo Giovanni Tacchini. Alle sue spalle, seguivano appaiati Matteo Piller Hoffer e Jessed Hernandez. Al femminile la super favorita dei pronostici Emanuela Brizio, conduceva invece con buon margine sulla transalpina Corinne Favre. Subito dietro sfilava un gruppetto di atlete tra le quali figurava la campionessa italiana 2009 Paola Romanin.

Superato il non facile step della Grignetta, nei pressi del Rifugio Elisa, Piller Hoffer guidava con 2’ di vantaggio su Jessed Hernandez, Alessandro Morassi e con 3’ su Giovanni Tacchini. Nella prova in Rosa, la Brizio continuava la sua cavalcata trionfale davanti a Cecilia Mora (campionessa mondiale di Trail) e  Corinne Favre, Carolina Tiraboschi e Paola Romanin.

Dopo 3h di gara, nei pressi del Rifugio Bogani, Piller Hofer è transitato per primo. Hernandez, però, cominciava a farsi sotto. Pure Fulvio Dapit, sempre a suo agio su queste montagne, aveva messo la freccia conquistando la 3ª piazza.
Se al femminile non si sono visti capovolgimenti di fronte, la gara maschile ha avuto un punto di svolta in zona Grignone. Nella selettiva ascesa al tetto della gara, lo spagnolo Hernandez ha innestato le ridotte balzando al comando, per poi buttarsi a tutta verso il traguardo di Pasturo. Tanto per non correre rischi dopo il 2° posto al fotofinish del 2008, Jessed Hernandez si è presentato in solitaria trionfando con il tempo di 4h56’19”. Secondo posto e titolo tricolore per Hernandez 4h56’47”, mentre sul gradino più baso del podio è salito il poliziotto friulano Fulvio Dapit (5h02’38”). Nella top ten di giornata pure Paolo Gotti, Paolo Larger, Pete Vale, Giovanni Tacchini, Fabio Bonfanti, Alessandro Morassi e Massimo Colombo. Passando alla kermesse femminile, successo della Brizio in 5h59’41” su Mora Cecilia – 6h05’42”- e Corinne Favre – 6h17’58”-. Bene sono andate pure Carolina Tiraboschi e paola Romanin.
Classifica Finale Campionato Italiano. Maschile: 1. Matteo Piller Hoffer, 2. Fulvio Dapit, 3. Paolo Larger. Femminile: 1. Paola Romanin, Jennifer Senik, Carolina Tiraboschi.

MEZZA CITTÀ DI PASTURO:

Claudio Cassi del Valetudo Skyrunning Italia e Lorenza Combi del Runners Colico hanno posto il loro nome nella 3ª edizione della Mezza delle Grigne. Partendo di gran carriera il vincitore 2009 ha posto un bel divario tra se i diretti avversari. Dietro il polacco Daniel Wosik doveva invece guardarsi le spalle da un gruppetto di agguerriti pretendenti alla seconda piazza. Al femminile, dopo un’iniziale dominio della bergamasca Rossana Moré, la colichese Combi ha effettuato un sorpasso poi rivelatosi vincente. Nella lunga discesa verso Pasturo, mentre Cassi gestiva il vantaggio, il suo compagno di club Michele Semperboni guadagnava l’argento ai danni di un Wosik non proprio irresistibile quando il dislivello è cominciato a diventare negativo. Risultati alla mano Cassi ha vinto in 2h05’57” su Semperboni 2h06’05”, Daniel Wosik 2h06’49”, Daniele Zerboni, Emanuele Miotti, Enrico Ardesi, Davide Trincavelli, Luca Bortot, Andrea Lazzarini e Carlo Ratti.
Nella classifica in rosa, successo per una brillante Combi – 2h35’50” – su Moré – 2h39’24”-. Terzo gradino del podio, per la rientrante Raffaella Rossi – 2h42’04”.

DICHIARAZIONI POST RACE:

Jessed Hernandez: Sono contento della vittoria. Inizialmente non stavo bene. Avevo problemi allo stomaco e avevo anche pensato di fermarmi. Poi, invece, mi sono ripreso. Nonostante un errore di percorso sono rientrato guadagnando la testa della corsa e vincendo.

Matteo Piller Hoffer: Più di così non potevo certo fare. Hernandez era il mio favorito alla vittoria e ha dimostrato con i fatti che non mi sbagliavo. Da parte mia sono felice per il titolo tricolore.

Emanuela Brizio: Sono partita forte ed ho pagato dazio. Ho però stretto i denti per non perdere la prima piazza. Sono contenta per come è andata e per il successo ottenuto qui alle Grigne.

Cecilia Mora: Che gara!! Sono troppo felice. Sono andata in continua rimonta; sul finale ho quasi sperato di prendere Emanuela, ma non ce l’ho fatta. Fa niente sono contentissima lo stesso.

Claudio Cassi:  Ho fatto l’errore di sopravvalutarmi e sono partito sin troppo forte. Sul finale poteva costarmi caro, ma sono comunque riuscito a spuntarla.

Michele Semperboni: nelle gambe ho forse un po’ troppe gare e mi è quindi mancata nel finale quella brillantezza necessaria per provare a vincere. Penso comunque di avere fatto una buona gara.

Luigi Brambilla (Direttore Gara): Vantavamo con la sorte un credito di 3 edizioni sotto la pioggia; oggi parte di questo credito è stato ripagato da una splendida giornata di sole. Siamo ovviamente soddisfatti, sia per gli importanti numeri registrati, sia per gli unanimi consensi ricevuti dai concorrenti. Il Trofeo Scaccabarozzi è già candidato per la tappa finale della Coppa del Mondo 2010; il buon esito di questa 9ª edizione penso sia il miglior biglietto da visita con il quale potevamo avvalorare la nostra candidatura.

Torri Maurizio

Tratto da www.sportdimontagna.com